Dimagrimento e ormone del letargo

Penso sia capitato un po’ a tutti quella strana sensazione che ci fa avvertire una volta freddo ed una volta caldo anche se ci troviamo nella medesima situazione di clima e temperatura.
Ti stai chiedendo se sono impazzito? Non ancora e provo a spiegarmi meglio.
Se la temperatura esterna è, ad esempio di 17-18°C, in Aprile avvertiamo caldo e ci vestiamo leggeri mentre in Ottobre sentiamo freddo e iniziamo ad indossare il giubbotto.

Il perché di questa differenza può essere spiegato dalla presenza o meno dell’ADIPONECTINA.

Cosa è?

E’ una proteina, sintetizzata dalle cellule del tessuto adiposo, che con la sua azione influenza la funzionalità e la consistenza strutturale di altri tessuti.
E’ un ormone stagionale il cui andamento è correlato con la temperatura esterna e le ore di luce: si attiva in primavera, raggiunge il picco di produzione in estate, diminuisce in autunno e raggiunge i livelli minimi in inverno.

I biologi evoluzionisti l’hanno denominata anche “ormone del cacciatore”. Trova così spiegazione il fatto che si attivi in primavera, per permettere la rimozione del grasso accumulato per affrontare l’ inverno e rendere l’uomo più agile per la caccia estiva. In autunno e inverno al contrario diminuisce per favorire l’accumulo delle scorte di grasso.
E’ come se anche nell’uomo esistesse la fase di letargo, nei mesi più freddi.

L’adiponectina viene secreta dalle cellule adipose quando la quantità di grasso presente negli adipociti incomincia a scendere. Poiché induce ulteriore consumo di grassi, stimola ulteriore secrezione di se stessa, ovvero si comporta come un forte acceleratore di dimagrimento a cascata!

Cosa avviene nell’organismo

Questa molecola, il cui nome significa letteralmente “assassina di grassi” , in effetti induce un forte effetto BRUCIA GRASSI (lipolitico): sia del grasso circolante che dei grassi di deposito.

La sua azione si interfaccia con quella di un altro ormone, la Leptina, che è deputata al controllo “dinamico” delle nostre riserve, ossia ovvero la molecola che dice al cervello se stiamo mangiando abbastanza o meno.

Nell’ipotalamo (il nostro centro cerebrale deputato alle regolazioni automatiche di idratazione, pressione, temperatura, grasso) l’adiponectina dice: sta succedendo qualcosa che mi stimola a far diminuire le scorte di grasso. Posso continuare ?
A quel punto i casi sono due:

  • se c’è poca leptina (scarso nutrimento recente) la risposta è negativa. L’ipotalamo dice: no, non puoi andare avanti a bruciare grassi perché siamo in emergenza alimentare.
  • se c’è tanta leptina, invece, l’ipotalamo dice: ok, puoi continuare a innescare il consumo di grassi, perché sono in abbondanza di risorse.

Altri effetti sul nostro corpo

  1. Migliora la sensibilità all’insulina ottimizzando la gestione del glucosio, inibendo anche la produzione di glucosio epatico.
  2. Agisce sulle cellule adipose e muscolari inducendo una accelerazione al metabolismo.
  3.  E’ una specie di termogenico naturale : grazie alla maggiore trascrizione delle “proteine disaccoppianti” (UCP) stimola il corpo a “sprecare” maggiori quantità di energia sotto forma di calore, ecco spiegato perché sentiamo caldo…

Questi aspetti la rendono potenzialmente molto interessante. A livello terapeutico potrebbe costituire un metodo farmacologico alternativo per il trattamento della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2.

In conclusione

Data la conoscenza di questi nuovi elementi:

  • è più facile spiegare il fatto che, anche mangiando le stesse calorie e mantenendo lo stesso stile alimentare tutto l’anno, da aprile a settembre è più semplice dimagrire (o ingrassare meno…) e da ottobre a marzo ingrassare con più facilità (o dimagrire meno).
  • capire che il momento migliore per avere un fisico perfetto è (ahinoi…) tra settembre e novembre. In linea teorica mettersi a dieta ad aprile, consentirebbe con i giusti tempi, di essere in forma a fine estate, sfruttando in pieno l’effetto termogenico dell’adiponectina, che rende la dieta estremamente più sostenibile.
  • provare a sfruttare gli effetti dell’adiponectina sul nostro metabolismo e studiare il modo di controllarla per finalità terapeutiche, di malattie oggi croniche e di difficile controllo.

Se vuoi contattarci, compila il form qui sotto

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: