Mitomicina collirio in terapia veterinaria

Loftalmologia è la branca della medicina che si occupa della salute degli occhi. La terapia con mitomicina è un trattamento comunemente usato per prevenire la formazione di fibrosi dopo diversi interventi chirurgici oculari.

La mitomicina è un farmaco che può essere applicato localmente (negli occhi) o per via endovenosa (iniezione). La sua azione è quella di inibire la sintesi del DNA, prevenendo la cicatrizzazione eccessiva.

Questo farmaco è generalmente ben tollerato, ma alcuni pazienti possono manifestare effetti collaterali come arrossamento degli occhi, lacrimazione, prurito e bruciore.
La terapia con mitomicina è generalmente efficace, ma è importante che venga eseguita da un medico esperto.

La Mitomicina C

La mitomicina C è un agente alchilante citostatico utilizzato in diversi protocolli di chemioterapia.
Nell’uomo, la mitomicina C 0,02% può essere applicata localmente nell’occhio per prevenire cicatrici durante l’intervento chirurgico di filtraggio del glaucoma e per prevenire l’opacità dopo i trattamenti laser; è stato anche dimostrato che riduce la fibrosi nella chirurgia dello strabismo.[fonte] Il suo uso topico è stato descritto per evitare recidive locali di SCC nei tumori corneali nell’uomo,(qui uno studio), nei gatti, cavalli e cani.

Il carcinoma a cellule squamose (SCC) è stato segnalato come il tumore palpebrale più comune nei gatti di età pari o superiore a 10 anni. La condizione si presenta come una massa proliferativa di colore da rosa a bianco, normalmente ulcerata.
I gatti bianchi sono predisposti e la palpebra cantale mediale è principalmente colpita. Sia nel cane che nel gatto, l’esposizione alle radiazioni solari, la mancanza di melanina e le malattie irritative croniche sono condizioni che predispongono allo sviluppo di questo tumore.

Tre cicli di mitomicina C topica allo 0,04% sono stati eseguiti nell’occhio del gatto descritto nel presente caso. Lo stesso protocollo è stato seguito in casi precedenti nei cavalli, mentre nell’uomo è stato dimostrato che 2-4 cicli postoperatori di mitomicina C riducono il tasso di recidiva.

La maggior parte degli studi utilizza un protocollo di 1 settimana sì e 1 settimana no.

Per quanto riguarda le complicanze associate alla mitomicina C nel trattamento della neoplasia della superficie oculare, nella più ampia serie di casi umani pubblicata che coinvolge 100 occhi, il 34% ha sviluppato una reazione allergica al farmaco e il 14% degli occhi ha avuto un’epifora secondaria alla stenosi puntale a un follow-up medio -up time di 26,5 mesi.(qui)

In una serie di casi di 10 esseri umani con SCC congiuntivale-corneale ricorrente esteso, la regressione completa del tumore è stata documentata in tutti i 10 casi (100%).(qui)

La mitomicina C topica sembra offrire un’alternativa valida e sicura come terapia aggiuntiva nel trattamento del SCC oculare nei gatti.

Conclusioni

La rimozione chirurgica della neoplasia è stata combinata con la somministrazione topica del farmaco antitumorale mitomicina C ed è stata ottenuta una buona prognosi senza reazioni avverse al farmaco in questo gatto.
Questi risultati suggeriscono che una combinazione di cheratectomia seguita da instillazione topica di mitomicina C potrebbe essere una terapia efficace per un SCC corneale esteso nel gatto.

Studi nei cavalli

Le lesioni oculari nei cavalli, confermate come carcinoma a cellule squamose, sono state trattate localmente con mitomicina C. Sono stati inclusi nello studio quattordici cavalli con carcinoma oculare a cellule squamose confermato, tre dei quali affetti bilateralmente.
Otto degli occhi colpiti sono stati trattati localmente con la sola mitomicina C;
negli altri nove occhi, i tumori sono stati rimossi chirurgicamente ed è stato quindi applicato un trattamento topico con mitomicina C.

Il protocollo di trattamento consisteva in 0,2 ml di mitomicina C allo 0,04% instillati nel sacco congiuntivale dell’occhio affetto, ogni sei ore, in cicli di sette giorni di trattamento seguiti da sette giorni senza trattamento. Ciò è stato ripetuto fino a quando si è verificata la regressione completa del tumore (fino a quattro cicli di trattamento con mitomicina C).
Degli otto occhi trattati con mitomicina C da sola (senza intervento chirurgico), la risoluzione clinica si è verificata in sei casi. Dei nove occhi trattati con una combinazione di chirurgia e mitomicina C topica, la risoluzione clinica si è verificata in sette casi.
Non sono state osservate complicazioni.

Terapia congiuntivale nei cani

I tumori congiuntivali canini di origine endoteliale vascolare sono comuni, sebbene sottostimati.  L’eziologia rimane sconosciuta; tuttavia, la forte predilezione del sito, il coinvolgimento dell’epitelio non pigmentato e lo sviluppo all’interno di specifiche classi di razza suggeriscono fortemente la luce ultravioletta (UV) come fattore di rischio significativo.

La terapia chirurgica precoce è raccomandata e può essere curativa; tuttavia, la recidiva è possibile. Una femmina di Alano di un anno si presentava con una massa rossa che sporgeva dalla congiuntiva bulbare dell’occhio sinistro.
La ferita chirurgica è guarita con successo, ma dopo due anni si è verificata una recidiva della massa.

L’escissione chirurgica e la mitomicina-C adiuvante sono state utilizzate per trattare l’emangioma ricorrente. [Studio]Dopo la rimozione della massa, mitomicina-C 0,04% è stata applicata sull’area asportata per un minuto, quindi è stata lavata con soluzione salina.
Nel periodo post-operatorio è stata applicata ofloxacina gocce quattro volte al giorno e mitomicina-C 0,04% gocce tre volte al giorno per sette giorni. Dopo questo periodo l’area asportata era iperemica e irregolare ed è stato prescritto desametasone 0,1% gocce quattro volte al giorno per ridurre la reazione infiammatoria.

Nessuna recidiva di emangioma oculare era evidente due anni dopo questo periodo. Il trattamento chirurgico dei tumori congiuntivali è normalmente efficiente quando è stata eseguita un’escissione estesa, tuttavia possono verificarsi ricadute, che richiedono un ulteriore intervento chirurgico.

Come reperire la Mitomicina collirio?

La mitomicina come farmaco (collirio galenico o farmaco iniettabile industriale)
NON può essere dispensata al pubblico, quindi non ci si può recare in farmacia con la richiesta medica, ma può essere solo fornita dalla Farmacia a ospedali e cliniche dato che il farmaco da cui è ottenuto il collirio è classificato “OSP”.

Dunque, solo ospedali e cliniche, ovvero medici operanti in strutture possono richiedere la preparazione di Mitomicina collirio al Farmacista che provvederà a fornirle direttamente alle struttura e non venderli al pubblico, mediante presentazione di ricetta non ripetibile,
valida 1 sola volta per la preparazione del numero di confezioni utilizzabili nell’arco di 30 giorni.

Per ulteriori informazioni, puoi contattarmi compilando il form qui sotto:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: